Le Associazioni della resistenza modenesi, ANPI e FIAP unitamente agli antifascisti dell’ANPPIA, da sempre impegnati a sostenere i valori fondanti della Repubblica, ricordano di avere sostenuto la riforma del Titolo V della seconda parte della Costituzione per un ordinamento dello Stato in senso federalista e di aver appoggiato il referendum confermativo, della stessa riforma, del 7 ottobre 2001 risultato vincente.
Queste chiare prese di posizione, assieme alle proposte avanzate per il nuovo statuto della Regione Emilia-Romagna, alla luce della suddetta riforma, hanno inteso riaffermare, nell’attualità gli ideali e i principi della lotta di liberazione per la realizzazione di un regionalismo federalista in grado di avvicinare il potere alle singole realtà territoriali, cioè al popolo, ampliare gli spazi di democrazia nel nostro Paese dando impulso alle autonomie locali, responsabilizzando la società civile e garantendo su tutto il territorio nazionale i livelli essenziali delle